5
(1)

La data fissata originariamente per dare il via alle richieste di accesso al bonus pubblicità, era il 1° settembre 2021.

 A seguito delle novità relative al bonus, introdotte dal Decreto Sostegni Bis, è stato necessario un aggiornamento della piattaforma utilizzata per la gestione delle istanze.

Il 1° settembre 2021, il dipartimento per l’informazione e l’editoria ha comunicato ufficialmente il rinvio della data in cui sarà possibile inoltrare le richieste: 1° ottobre 2021.

 

Bonus pubblicità: le novità previste dal Decreto Sostegni Bis

Il bonus pubblicità 2021 è caratterizzato dal fatto che il credito di imposta sarà calcolato sulla somma totale destinata all’investimento pubblicitario e non sull’incremento dell’investimento; modalità precedentemente utilizzata per il Bonus pubblicità “originario”.

Nello specifico, la vera novità del decreto sostegni bis è l’estensione del criterio del credito di imposta pari 50% del totale dell’investimento, anche alle pubblicità effettuate sugli emittenti televisi e radiofonici (nazionali e locali), non partecipate dallo stato.

Tale criterio, infatti, era già stato previsto (mediante il c.d. decreto rilancio) per gli investimenti pubblicitari effettuati sui quotidiani e sui periodici. Criterio già prorogato per gli anni 2021 e 2022.

bonus pubblicità, partenza dal primo ottobre

Come effettuare la richiesta 

Per richiedere il Bonus Pubblicità che abbiamo analizzato è necessario seguire i seguenti passaggi, che in realtà corrispondo a due fasi “autonome”, con scadenze diverse.

1. Richiesta di accesso al credito.

Deve essere effettuata dal 1 al 31 ottobre 2021, mediante la “comunicazione per l’accesso al credito di imposta“, mediante la quale vengono indicati gli investimenti pubblicitari che sono stati effettuati o che si vorranno effettuare nel corso del 2021. 

La comunicazione deve essere effettuata utilizzando i servizi messi a disposizione sul sito dell’agenzia delle entrate (all’interno dell’area riservata).

2. Dichiarazione degli effettivi investimenti.

Deve essere effettuata dal 1 al 31 gennaio e mediante la “dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati” si attesta l’effettivo investimento comunicato in precedenza.

    Ricordiamo che, così come per il precedente bonus, il credito di imposta previsto è utilizzabile solo in compensazione.

    Leggi qui gli altri articoli di questa categoria

    Immagini: pixabaypexels

    Ti è piaciuto l'articolo?

    Dacci un voto!

    Voto medio: 5 / 5. Numero voti: 1